Fast Fashion

moda

Quando parliamo di Fast Fashion facciamo riferimento ad un termine molto utilizzato ultimamente, un vero e proprio termine moderno usato dai rivenditori di moda per indicare il design di capi d’abbigliamento che passano rapidamente dalle passerelle più fashion e diventano un’influenza per le attuali tendenze.

Il termine fa riferimento alle ultime tendenze, prodotte velocemente e vendute in modo economico a basso prezzo.

Molte persone cercano capi a basso costo e l’immediatezza, vogliono trovare immediatamente ciò che vedono.

Possiamo quindi pensare ad una vera e propria strategia di mercato che riesce a catturare le tendenze del momento e riportarle sul mercato in brevissimo tempo, una strategia veramente in voga che ultimamente sta spopolando nella moda.

fasst fashion

La strategia Fast Fashion

Parlando di una vera e propria strategia possiamo fermamente dire che chi ha pensato a questa si è veramente rivolto al consumatore, un concetto basato sul prodotto e poi sulla produzione, questa strategia può essere identificata come una “risposta rapida” sviluppata negli USA durante gli anni ’80. Possiamo elencare molti pionieri del Fast Fashion come Zara, H&M e molti altri.

La moda così chiamata “veloce” è associata all’usa e getta, questo è dovuto anche dal prezzo di questi prodotti, un prezzo veramente basso. Sia il nome che il prezzo portano a pensare a capi d’abbigliamento che sono portati per un periodo breve a differenza dello slow fashion.

Parlando di tendenze, il Fast Fashion riesce ad accontentare le richieste del momento, riuscendo anche a creare tendenze di moda veloci ed efficaci.

Un vero e proprio business il nostro Fast Fashion.

Il metodo

Un metodo che è stato sviluppato non soltanto per accontentare le richieste dei clienti ma anche per ridurre i costi di produzione, velocizzando l’industria tessile che ha drasticamente ridotto i tempi.

Questo metodo nasce anche per concorrere con i paesi che producono vestiti a basso costo, questo è stato visto come un sistema di risposta al mercato che si stava facendo avanti.

Un metodo concentrato sul business che combatte giornalmente con lo Slow Fashion.

Con questo metodo i vostri gusti sono portati sulle passerelle e poi immediatamente sugli scaffali.

La moda durante il Fast Fashion

Non esistono più le stagioni, prima le collezioni moda erano due all’anno (fall-winter e spring-summer), ora invece dobbiamo pensare che parliamo di cinquantadue micro collezioni in un anno, forse dobbiamo parlare di super fast fashion.

L’idea principale resta comunque che il consumatore riesce immediatamente a trovare in negozio ciò che ha visto in una sfilata, anche lo Slow Fashion ovviamente comprende che il consumatore ha perfettamente ragione se desidera trovare in negozio ciò che vede, così troviamo anche delle nuove abitudini nello slow.

Le radici e i cambiamenti

Le radici di questo metodo risalgono secondo alcuni non solo agli anni ’80 ma anche alla rivoluzione industriale.

La moda istantanea ha “cambiato il mondo” come solitamente viene detto, in Italia predilige l’artigianato ed anche qua la situazione è cambiata, la moda è riuscita a cambiare le nostre abitudini, se osserviamo venti anni fa la durata della vita di una felpa era di almeno il doppio, adesso si è veramente abbassata questa soglia.

Chi ama acquistare e cambiare spesso i propri vestiti compera almeno il doppio dei vestiti di venti anni fa, questo metodo ha veramente rivoluzionato il mondo, i nostri metodi e le nostre abitudini.

Se seguiamo questo metodo ci accorgeremo che i vestiti diventano vecchi dopo qualche mese.

Il target è una clientela giovane che osserva la marca e vuole spendere poco.

La vendita online di prodotti è un fattore principale, influisce su questo metodo.

Chi acquista online vuole che il suo capo di abbigliamento sia consegnato immediatamente o almeno nel minor tempo possibile.

Tutto corre velocemente in questo mondo, le nostre abitudini, ma soprattutto i nostri sogni e le nostre voglie.

Ecosostenibilità

Il Fast Fashion fa riferimento anche all’ecosostenibilità, se la moda deve essere sostenibile questo metodo raffigura perfettamente ciò che deve essere.

Forse prima si acquistava meglio e la metà, ma c’era meno attenzione all’ecosostenibilità, adesso i materiali rispecchiano le aspettative degli ecologisti che con le loro influenze ci hanno portato ad acquistare il doppio e a inquinare molto meno.

Il Fast Fashion corre quindi veloce, forse più di voi, le vostre tasche possono paragonare le tempistiche ma voi riuscirete a stare al passo?

Se siete amanti della moda potete cominciare a seguire le passerelle per poi proiettarvi nei negozi e sentirvi sempre alla moda.

I follower del Fast Fashion sono amanti della moda e come tali amano i vestiti ed essere sempre “al passo con i tempi”.

Anche tu sei un follower di questa moda? Vieni a trovarci.